Moto amatori, ecco le strade più belle da percorrere in Italia

Indossa il casco, calza i guanti e lascia alle spalle pensieri e routine.

Se vuoi vivere delle emozioni indimenticabili e ammirare panorami da sogno in sella alla tua moto ecco una lista delle strade più belle da percorrere in Italia.

Passo_dello_stelvio1)    Passo dello Stelvio

Il Passo dello Stelvio è il valico automobilistico più alto d’Italia (2.758 metri di altitudine), secondo in Europa dopo il Colle dell’Iseran. 60 curve a gomito scavate nella roccia collegano Bormio e la Valtellina con Trafoi e la Val Venosta. Questa strada viene classificata tra le più pericolose al mondo, ma lo spettacolo che offre è senza eguali.

Unico consiglio: indossate maglioncino e sciarpa sotto la giacca! Le temperature sono sempre rigide!

2)    Strada 52 Pasubio-Trento.Strada Pasubio

Il Pasubio è un massiccio calcareo situato al confine tra le province di Vicenza e Trento, congiunge le Piccole Dolomiti all’Altopiano di Folgaria. È stato un importante campo di battaglia durante la prima guerra mondiale.

La strada 52 Pasubio-Trento è un’opera straordinaria di ingegneria militare, costruita per assicurare i rifornimenti stando al riparo dall’artiglieria austriaca. È nota per i suoi 52 tunnel, da cui prende il nome, costruiti tra febbraio e dicembre 1917.

Il percorso di 6550 metri, dei quali 2280 in galleria, collega Bocchetta Campiglia e le porte del Pasubio. Tra le gallerie, la diciannovesima è la più lunga – ben 370 metri – e la ventesima procede a spirale all’interno della roccia.

Il percorso, vietato alle biciclette, è consigliato a tutti gli appossionati di escursionismo e di storia.

Unico consiglio: attenzione ai burroni, al  buio delle gallerie e all’umidità che può rendere scivoloso il pavimento dei tunnel scavati nella roccia.

SS647 – Molise3)       SS647Molise

La strada statale 647 Fondo Valle del Biferno (SS 647), o Bifernina, è una delle strade statali principali del Molise. Lunga 75.300 Km, collega la strada statale 17 dell’Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico all’altezza di Bojano con la strada statale 87 Sannitica all’altezza della zona industriale di Termoli.

Si presenta a una corsia per senso di marcia ed è priva di gallerie.

Il tratto più emozionante da percorrere è la diga del Liscione, costruita sul fiume Biferno nel 1972 per creare il bacino artificiale conosciuto come lago di Guardialfiera o di Liscione.

La strada sovrasta il lago nel tratto iniziale e finale mediante due viadotti e lo costeggia, invece, nel tratto centrale.

4)    S 163 – “L’Amalfitana”costiera amalfitana

Panorama mozzafiato e acqua cristallina a perdita d’occhio. Questi due elementi caratterizzano la strada statale S163, nota come “L’Amalfitana”. Lunga circa 50 km, è famosa per le curve a gomito a picco sul mare che offrono una particolarissima visuale dei paesini della Costiera Amalfitana, arrampicati sulla roccia come presepi.

La carreggiata stretta si snoda tra il verde delle colline e l’azzurro del mare.

È da Vietri che inizia l’itinerario consigliato. Si passa da Maori, Ravello, Amalfi, Praiano, Agerola, Positano – la perla della costiera – San’Agata dei due Golfi e Sorrento.

Unico consiglio: attenzione al traffico durante i mesi estivi causato della quantità di auto e autobus turistici diretti in costiera.

giro_della_sicilia_in_moto5)    Le strade della Targa Florio  – Sicilia

Tra i vari itinerari possibili nella terra del sole consigliamo di percorrere il circuito delle Madonie, quello in cui si svolge la targa Florio, una delle più antiche corse automobilistiche al mondo.

Si parte da Cerda, per salire verso Portella di Cascio, seguendo la SS120 fino a Caltavuturo. Poi, passando da Scillato a Collesano si raggiunge il mare di Campofelice di Roccella. Finito il percorso consigliamo di proseguire in direzione Cefalù per ammirare gli splendidi paesaggi.

Se ci si trova ad ovest dell’isola consigliamo, invece, di percorrere la strada provinciale Trapani – Erice, per poi riscendere da Valderice. Una stradina stretta che si dipana in mezzo alle conifere.

Unico consiglio: evitate le ore di punta per mettervi in viaggio!

6)    La SS 125 – Sardegna sardegna

La strada statale 125 Orientale Sarda percorre il versante destro dell’isola e collega Santa Teresa di Gallura a Cagliari. Un tracciato tutto curve che permette di ammirare uno splendido panorama. Il tratto che va da Orosei ad Arbatax, poi, è il più caratteristico. Si parte dal livello del mare per arrivare in collina fino a Dorgali, dove parte il passo di Genna Silana, pieno di curve a 1000 metri di altezza.

Unico consiglio: moderate la velocità nell’ultimo tratto del passo di Genna Silana!

Buon viaggio traveler!

 

About Irenem

Irenem Irene is the Italian Digital Strategist for Tripsta.it. You can find her at Google+

TAGS: , , , , , , , ,
  • Alessandro Reloaded Della Torr

    Purtroppo chi ha scritto questo articolo è tutto fuorchè un motociclista. O per lo meno è una persona dalla scarsa capacità critica nonchè conoscenza del territorio

    1) lo stelvio, per quanto paesaggisticamente eccezionale è ben lungi “bello da guidare”. Per Chi ha una moto un pelo sportiva è una tortura, per non parlare dei polsi dell’eventuale passeggero se si affrotna scendendo verso Bormio
    Bello assolutamente. Ma da li a metterla alla prima posiizone ce ne passa. Sarebbe come eleggere Pallone d’oro un discreto calciatore di C2

    2) Pasubio Trento?
    Ma mi dite che razza di parametri avete utilizzato per questa classifica? nulla da dir,e anche qui, per quanto riguarda il paesaggio. Ma per la guida e il “piacere di guida” nemmeno a parlarne.

    3) l’amalfitana: senza dubbio bellissima. A patto di chiuderla in entrambe le direzioni, vista la tonnellata di turisti che la ammassano in auto, camper, autobus eccetera. e voi la mettete in terza posizione? ma per piacere….

    4) Se proprio dovevate scegliere una strada Siciliana, con quel capolavoro della Mareneve….voi mi mettete dentro la targa Florio? mha…..

    5): forse l’unica degna di entrare in una ipotetica top10. Almeno una l’avete azzeccata.