Wi Fi in volo, ecco come funziona la trasmissione dei dati tra le nuvole

indexVolare e navigare sembrano ancora due attività inconciliabili, ma alcune compagnie aeree hanno già implementato il Wi-Fi ad alta quota: si potranno così controllare le email, caricare le foto sui social nerwork e fare ricerche su internet mentre si sta a dieci mila metri d’altezza.

I dati di un sondaggio condotto da Honeywell Aerospace, una delle più importanti aziende multinazionali statunitensi, confermano che il 90% dei passeggeri rinuncerebbe a uno o più servizi a bordo pur di navigare in internet ad alta quota. Il 42% del campione intervistato rinuncerebbe al caffè e agli snack, il 38% alla scelta del posto a sedere e il 32% alla possibilità di reclinare il sedile.

Le compagnie aeree europee stanno ancora sperimentando il servizio. La connessione dati è invece già disponibile nelle grandi compagnie americane come Virgin America, Us Airways, American Airlines, United e Delta e Air Canada.

Le tariffe – Il servizio però potrebbe costare molto caro ai tecnomaniaci. Al momento sono solo tre le compagnie che offrono l’accesso gratuito a internet sui propri voli: la Norwegian, la Turkish Airlines e la Hong Kong Airlines.96653894

I prezzi dipendono dalle tariffe di roaming internazionale della compagnia telefonica del passeggero (British Airways); o dai minuti di connessione a disposizione (la Lufthansa offre due pass: 1 ora a 10.95 euro; 24 ore a 19.95 euro). Le più economiche sono la SAS che prevede una tariffa di 8 euro nel nord Europa e una di 12 euro nel resto del vecchio continente e TAP Portugal che prevede un costo di sei euro per 4MB o di 10 euro per 10MB.

Il prezzo del servizio può funzionare però da deterrente e far collegare solo le persone che ne hanno davvero bisogno (se davvero di bisogno si può parlare!).

La tecnologia – Il sistema più diffuso dalle compagnie aeree è quello chiamato “Air to Ground”, letteralmente da aria a terra. La tecnologia si appoggia a una rete di antenne simili a quelle usate per la tecnologia mobile tradizionale. Unico gap la velocità di trasmissione: 3 Mbps per aereomobile. Meno di un Adsl domenistica. Per questo motivo è stata introdotta la “ATG 4” che da 3Mbps porta la banda a 10. Si sta già lavorando a un sistema di nuova generazione che porta la banda a 60 Mbps.

Un sistema alternativo, ma inefficiente per l’estrema lentezza, è quello satellitare. I dati di connessione arrivano questa volta dai satelliti che ruotano intorno all’asse terrestre. Questa tecnologia raggiunge solo i 864 kbit/s.

La “Ku Band” invece può essere definita come una via di mezzo tra i due sistemi appena citati e permette di raggiungere i 50 Mbps.?????????????????

Attenzione però! Questi servizi potrebbero rappresentare delle opportunità d’oro per il merchandasing sugli aeromobili!

Di seguito tutte  le compagnie che offrono il servizio Wi Fii – Air Canada, Air Tran, Alaska Airlines, American Airlines, Delta Airlines, British Airways, Egypt Air, Emirates, Etihad, Frontier Airlines, Gulf Air, Hong Kong Airlines, Lufthansa, Libyan Airlines, Mango Airlines, Norwegian, Oman Air, Qatar, SAS, Singapore Airlines, Southwest Airlines, Tap Portugal, Turkish Airways, United, Us Airways, Virgin America e TAM.

Raccontateci la vostra esperienza – Avete mai provato il Wi Fi a bordo di un aereo? Qual è la vostra classifica delle compagnie aeree che lo hanno già implementato?

 

 

About Irenem

Irenem

Irene is the Italian Digital Strategist for Tripsta.it.
You can find her at Google+

TAGS: , , , , , , , , , ,
  • Gaia Sempiterni

    Io volevo farlo una volta.. ma il costo era troppo alto e ho deciso di evitare. Se abbassassero le tariffe sarebbe una grandissima opportunità. E comunque Turkish Airways è avanti anni luce…

  • Laura

    Ho avuto la fortuna di provare il Wi Fi in volo in una delle poche compagnie che mettono a disposizione il servizio gratuitamente: la Norwegian. Sono rimasta soddisfatta!

  • Paolo

    Non ho mai provato ma mi piacerebbe. Lo ammetto, sono un maniaco della tecnologia e dover rinunciare per qualche ora alla connessione spesso mi pesa!

  • Giulio Scarpa

    Mai provato. Adoro la tecnologia, ma credo che se ne possa anche fare a meno ogni tanto… Credo, però, che possa essere un servizio utile per le lunghe tratte. Ma dovrebbero organizzare dei pacchetti più economici…

  • Pingback: Meet and seat: scopri tutto su chi viaggia in aereo accanto a te!()