The Malta Experience. L’erasmus di Chiara

Azure windowCiao, mi chiamo Chiara Demuro, ho 21 anni e studio Scienze del Turismo Culturale presso l’Università degli Studi di Sassari.

Ho scelto di intraprendere quest’esperienza per arricchire il mio bagaglio culturale e soprattutto migliorare la conoscenza della lingua inglese, ed ecco perché mi trovo a Malta. Vi chiederete: “Qual’è stata la tua prima impressione appena arrivata?”. Beh ad esser sincera, appena ho messo piede su questa splendida isola non mi sono sentita così spaesata come credevo, forse per il fatto che, essendo un’isolana anche io, mi sono sentita da subito come fossi a casa, pur essendo una terra completamente diversa dalla Sardegna.

??????????Ma ora passiamo alla parte in cui vi descrivo alcune delle attrazioni di Malta che mi hanno particolarmente colpito. Partiamo con quella che mi è rimasta impressa più di tutte: “The Blue Lagoon”, nell’isola di Comino, dove l’acqua è talmente azzurra che anche dall’alto si può vedere perfettamente il fondo. Sembra di stare in un paradiso. La adoro perchè più di tutti mi ricorda un po’ il mare della Sardegna.

Proseguiamo ora  con i centri culturali: il primo luogo che ho visitato è Valletta, ovvero la capitale dell’isola , ricca di cultura e storia, nonché di tanti negozietti di vario genere dove poter fare del buono shopping. Qui consiglio di visitare la Cattedrale di San Giovanni, dove potrete trovare anche due opere di Caravaggio (esattamente la “Decollazione di Giovanni Battista” e “San Gerolamo), e il Museo delle Belle arti. Consiglio inoltre la parte di Valletta che da direttamente sul mare, ovvero “Valletta Waterfront” se si ha voglia di fare una passeggiata tranquilla, o solo mangiare in ristorante. Se siete amanti  del teatro, consiglio di andare al “Manoel Teathre”, comunemente chiamato “Manoel” dai cittadini Maltesi. Infine, consiglio di rilassarvi all’ “Upper Barrakka Gardens”, dove vi aspetta una vista mozzafiato dall’alto della città.

Msida HarbourMa passiamo ora alla prossima meta : la città “silente” di Mdina, o Medina. E’ l’antica capitale di Malta, e una caratteristica che la contraddistingue sono le alte mura che la circondano a mo’ di protezione dalle invasioni esterne. Devo dire che la prima volta che ho visitato questa splendida città è stata una notte dove il gruppo responsabile degli Erasmus, l’ESN, aveva organizzato una caccia al tesoro. Ho avuto modo di conoscere molti aspetti della città che forse non sarei riuscita a sapere visitandola da normale turista durante il giorno. Come si varca la soglia pare di sentire una strana sensazione, come di quiete e pace, forse in maniera un po’ troppo surreale. Non a caso viene definita la “città silente” o “l’anima nobiledi Malta. Per quanto concerne le località di attrazione culturale consiglio per ultima, ma non per importanza, “Victoria”o “Rabat”, la capitale di Gozo, l’altra isola dell’arcipelago di Malta. Ricca di storia e cultura, la cosa che mi ha colpito di più di questa città è stata la “Cittadella”, ovvero la parte più alta, dalla quale si può vedere quasi tutta l’isola, dal verde dei campi, all’azzurro del mare. Mi ci sono recata al tramonto, e devo davvero ammettere che c’è una vista mozzafiato, come quelle che vediamo nei film romantici. Proseguendo, sempre a Gozo, consiglio infinitamente di visitare l’ “Azure Window”, una vera e propria “Finestra sul mare”. Ho provato un senso di libertà e di quiete a quella vista, come se il resto del mondo non contasse più nulla. Tra l’altro, è una delle location dove è stata girata una delle mie serie Tv preferite, “Game of Thrones”! Infine, per concludere con Gozo, consiglio di visitare la spiaggia di “Rambla Bay”, con la sua acqua cristallina e la sabbia rossa. Vi è una leggenda che narra che nella Grotta vicina, vivesse la Ninfa Calipso, la quale trattenne Ulisse durante il suo viaggio, e se ci si sofferma ad ascoltare, si può sentire ancora oggi il lamento del viaggiatore.

View from Upper Garden VallettaTorniamo ora a Malta. Se siete interessati a viste mozzafiato, e a dei tramonti da favola immersi nella natura, consiglio di visitare “Dingli Cliffs”, sul litorale ovest di Malta, e “Gnejna Bay” al nord. Infine, per quanto riguarda lo svago, Paceville e St. Julians sono le capitali del divertimento, ricche di pub, discoteche, e bar che possono soddisfare appieno la nightlife dell’isola. Insomma, tutto ciò che uno studente erasmus, un turista, e un maltese possono trovare per staccare la spina. Queste sono solo alcune delle migliaia di attrazioni e località da vedere, tant’è che in una sola settimana non si riesce ad apprezzare tutto questo ben di dio. Malta, con la sua popolazione accogliente e disponibile, con i suoi “Pastizzi”(alcune delle prelibatezze tipiche dell’isola, insieme alla Qassatat e alla Ftira), con le sue bellissime spiagge, con la sua cultura un po’ inglese, un po’ italiana e un po’ araba,  accolgono persone provenienti da tutto il mondo, e aprono loro tutto questo.

Cittadella Victoria RabatConsiglio Malta come meta erasmus semplicemente perchè ne vale la pena. In pochi mesi ho decisamente migliorato il mio inglese, ho conosciuto tante persone fantastiche provenienti da tutta Europa, e ho avuto modo di conoscere anche culture esterne, non solo della stessa Malta; e sì, anche l’università è niente male, anche se inizialmente giravo con la mappa del campus come per dire”Hey sono la nuova arrivata”!!!

Chi dice che è solo una piccola isola limitata si sbaglia; ha tanto da offrire con i suoi pregi e i suoi difetti; non sarà perfetta ma decisamente apprezzabile. Non oso immaginare quanto mi mancherà questo posto alla fine di quest’esperienza, e posso dire che fino ad ora è stata la migliore della mia vita. Vi rimarrà nel cuore, ve lo assicuro!


About Irenem

Irenem

Irene is the Italian Digital Strategist for Tripsta.it.
You can find her at Google+

TAGS: , , , , , , ,
  • mikelino666

    Ciao te hai fatto l’erasmus all’università ta malta? Io dovrei partire a febbraio dell’anno prossimo ma ho un problema…che certificato di inglese richiedono? so che vogliono un B2 ma non specificano di cosa! grazie!